Faq Generali

 

1. Il mio cane o gatto è stato punto da un’ape, devo preoccuparmi?

Si, perché potrebbe provocare uno shock anafilattico: in questo caso in tempi brevi il nostro cucciolo può morire per insufficienza respiratoria. Portiamo il nostro animaletto dal veterinario, soprattutto se ci accorgiamo di reazioni estese, intense, forte dolore o salivazione.
Come primo soccorso possiamo cercare di tamponare la ferita applicando una borsa del ghiaccio sulla parte ed eventualmente una pomata cortisonica mentre cerchiamo un veterinario subito disponibile.

2. E’un problema se il cane o il gatto bevono l’acqua del mio laghetto?

Si, attenzione per un ѕіlеnte ed a volte mortale pericolo delle alghe tossiche.‭ ‬Il caldo estivo in particolare determina un’eccessiva crescita di organismi definiti appunto in genere impropriamente alghe azzurre‭ (‬cianobatteri‭)‬,‭ ‬che possono essere fatali al nostro cane ed al nostro gatto.‭ ‬Vaccinate poi i vostri cani contro la Leptospirosi‭; ‬per non farli venire a contatto con questi batteri evitate anche di fargli fare il bagno,‭ ‬soprattutto in acque stagnanti.‭
In effetti il rischio di leptospirosi dipende dal fatto che topi,‭ ‬nutrie o ricci‭ (‬così carini e nell’immaginario collettivo non portatori di malattie pericolose‭) ‬eliminatori di leptospire,‭ ‬possano urinare nel laghetto.‭ ‬Se il cane che si è ammalato lecca dove abbiamo ferite aperte può trasmetterci la malattia.
Il rischio è maggiore se la quantità d’acqua è poca,‭ ‬perché risulta più concentrata…‭ ‬è anche per questo che,‭ ‬se teniamo l’acqua per il cane fuori deve essere cambiata frequentemente.

3. Anche cani e gatti possono essere allergici alle piante per sfregamento ed ai pollini‭?

Si‭; ‬possono verificarsi allergie da inalazione di allergeni come il polline di alberi,‭ ‬l’ambrosia,‭ ‬le graminacee ed altri.‭ ‬Sembra che ci sia una predisposizione genetica a queste allergie in cani e gatti.‭ ‬Nel caso di alcune piante e‭ ‬/‭ ‬o aree geografiche,‭ ‬le allergie inalatorie o per contatto possono essere stagionali.‭ ‬Identificare la sostanza incriminata è difficile.‭ ‬Se questo avviene,‭ ‬cercare di eliminarla dal contesto dell’animale.‭ ‬Il veterinario può raccomandare un trattamento adeguato per le lesioni della pelle e per contribuire ad alleviare il prurito.‭
Eventualmente se è un’allergia da aeroallergeni e quindi il soggetto è presumibilmente atopico si possono fare degli esami del sangue per poi allestire una vaccinazione desensibilizzante ad hoc.

4. Le ”nuove” zanzare tigre sono un problema per gatti e cani‭? ‬possono dare allergia e trasmettere malattie‭?

Le zanzare tigre sono trasmettitori di Dirofilariosi‭; ‬Dirofilaria immitis,‭ ‬un verme parassita,‭ ‬insidioso perchè si manifesta a distanza di anni dall’infestazione che causa dirofilariosi cardiovascolare nei cani e nei gatti‭ (‬i sintomi,‭ ‬che si manifestano non immediatamente,‭ ‬ma a distanza di anni,‭ ‬sono stanchezza,‭ ‬tosse,‭ ‬anemia,‭ ‬vomito,‭ ‬insufficienza cardiaca:‭ ‬la malattia può avere esito letale per l’animale‭) ‬e Dirofilaria repens che causa dirofilariosi cutanea‭ (‬noduli,‭ ‬prurito‭)‬.
Inoltre,‭ ‬le punture di zanzara possono provocare gravi irritazioni della pelle in seguito a reazione allergica alla saliva della zanzara.‭ ‬Specialmente nel gatto c’è l’ipersensibilità felina‭; ‬vanno utilizzati repellenti naturali specifici per il gatto da aggiungere ai normali antipulci i quali nel gatto non sono repellenti alle zanzare,‭ ‬proprio per la sua particolare sensibilità agli insetticidi.‭  ‬Proteggere i nostri animali con repellenti appositi antizanzare,‭ ‬chiedete consiglio al vostro veterinario.‭